Diamo qualche informazione per comprendere meglio la Bioenergetica attraverso questo articolo tratto dal libro di Alexander Lowen, “Analisi Bioenergetica”.

In una visione olistica soma (corpo) e psiche sono una unità.

Tutti hanno bisogno di sciogliere i blocchi psico–corporei, impedimenti allo scorrere della propria energia vitale e pertanto causa di inibizioni alla creatività.

Tali blocchi sono difese psichiche che irrigidendo la muscolatura profonda dell’individuo, strutturano la corazza caratteriale nel corso dello sviluppo del bambino a partire dai primi momenti di vita, fissandosi stabilmente nell’adolescenza.

Più tardi, lungo tutto il corso della vita, le pressioni provenienti dall’educazione e dalla società agiscono da rinforzo della struttura del carattere , la cui funzione è quella di fronteggiare e adattarsi allo stress prodotto:

  • dallo stile di vita frenetico, che pericolosamente tende a sovvertire i bio-ritmi individuali
  • dalla sofferenza di separazioni che, riaprendo antiche ferite affettive, comportano dolore e lutto

Nei primi anni di vita non c’è differenza tra dolore organico e psicologico.

Fin dai primi attimi di esistenza, già nel ventre materno, la creatura umana, si contrae per sopportare le sensazioni spiacevoli, si rilassa invece nel piacere.

Quando si è bambini è sufficiente un tono di voce troppo alto e irato o una luce troppo intensa a produrre dolore, una lieve carezza o un sorriso per provare un intenso piacere.

Così si forma la corazza caratteriale che segna l’intera vita della persona.

L’organismo tende la muscolatura e spezza lo scorrere della respirazione per non sentire il dolore.

I muscoli ipertesi spezzano la sensibilità psicocorporea, interrompono la percezione del dolore così come l’ipotensione muscolare compensa il sistema.

La storia della persona è raccontata dal suo corpo.

I blocchi e le tensioni muscolari così come le ipotensioni, il modo di respirare e camminare ecc.  esprimono ad un occhio esperto dove e quando il bambino ha sentito di non essere amato , dove è stato sorretto e aiutato.

La lettura corporea aiuta ad individuare e riconoscere le ferite del carattere e come curarle.

 

Come viene svolta la Bioenergetica nel centro Epochè

Epochè propone all’interno del proprio settore dedicato al “benessere psicocorporeo e percorsi di crescita personale” l’esperienza con le tecniche psicorporee e con la bioenergetica come sistema per ascoltare-reincontrare il proprio corpo e riappropriandosi delle sue sensazioni.

Il percorso proposto nelle classi di esercizi di bioenergetica, infatti, passa attraverso lo scoprire e lo sciogliere quelle tensioni muscolari croniche e quei blocchi energetici prodotti dall’inibizione della naturale espressione delle emozioni permettendo alle persone di ritrovare una condizione di maggior energia vitale.

L’analisi Bioenergetica è un sistema terapeutico messo a punto in America nella metà degli anni cinquanta da Alexander Lowen, brillante allievo di Willhelm Reich.  Reich per primo si era interessato alle rigidità corporee come espressioni psichiche, come blocchi muscolari cronici di origine psicologica. Al centro della Bioenergetica, infatti vi è la corrispondenza tra l’aspetto psichico e quello somatico dell’organismo. Le tensioni muscolari croniche rappresentano la corrispondenza fisica di conflitti psichici; attraverso tali tensioni i conflitti si strutturano nel corpo sotto forma di riduzione della profondità dell’atto respiratorio e limitazione della motilità, con lo scopo di proteggere l’Io dal contatto con emozioni percepite come “pericolose” poiché connesse a eventi “dolorosi”.

Si tratta di tensioni che si sviluppano lentamente, attraverso esperienze di vita ripetute della prima infanzia, e si cronicizzano diventando parte inconsapevole della struttura corporea e del modo di essere di ogni persona.

Su questa base teorica l’incontro con i movimenti della bioenergetica si propone come  un’occasione di benessere, uno spazio tutto per sé per recuperare energie, scaricare tensioni, rilassarsi ed entrare in contatto con il proprio corpo in modo piacevole, distensivo e anche divertente.

Il laboratorio è dedicato a chi si sente stanco e senza forze o ha tensioni nei muscoli o un po’ in tutto il corpo. A chi sente lo stress da lavoro e vuole liberarsene. A chi desidera ritrovare la capacità di sentirsi bene nel corpo, più vitale, più vibrante, più gioioso.